infiammazione silente
(tempo di lettura: 4 minuti)

L’infiammazione silente

L’infiammazione silente, detta anche infiammazione cronica sistemica o infiammazione killer può farci ammalare dandoci segnali molto silenziosi, almeno in fase iniziale

Nell’articolo “Infiammazione cronica” abbiamo visto di cosa si tratta, come riconoscerla, come prevenirla e come abbassarla. Qui tratteremo di come l’infiammazione silente interagisce con gli ormoni pro-infiammatori.

L’infiammazione silente è associata ad una costante ed elevata quantità di ormoni pro-infiammatori, ovvero:

  • Cortisolo
  • Insulina
  • Eicosanoidi

Il CORTISOLO è un importante ormone prodotto dalle ghiandole surrenali. E’ il cortisone endogeno, le cui principali funzioni sono:

  • Adeguato metabolismo del glucosio
  • Regolazione pressione arteriosa
  • Risposta infiammatoria
  • Funzione anti-immunitaria
  • Rilascio dell’insulina per mantenere i livelli di zucchero nel sangue

Il cortisolo viene definito come l’ormone dello stress perché viene secreto dall’organismo ad alti dosaggi durante la fase acuta di un evento stressante “attacca o fuggi” e, di conseguenza, è il responsabile di numerosi cambiamenti nel corpo legati allo stress. Piccole dosi di cortisolo hanno i loro benefici effetti tipo: aumentare l’immunità, alzare la soglia del dolore etc.

Mentre il cortisolo è un’importante ed utile parte della risposta del corpo allo stress, altrettanto importante è che il corpo abbia la capacità di attivare la risposta di rilassamento, in modo tale che le funzioni del corpo possano ritornare ad un regime normale dopo l’evento stressante.

Purtroppo, la nostra civiltà super stressante ed il ritmo frenetico della vita moderna fanno in modo che il nostro organismo sia continuamente sollecitato a rispondere a degli stress, quindi è sempre sotto la fase reattiva, senza poter ritornare alla fase di recupero, portandolo ad uno stato di stress cronico e allontanandolo dallo stato di salute e benessere.

Inoltre, elevati e prolungati livelli di cortisolo nel circolo sanguigno, come quelli associati allo stress cronico, hanno dimostrato avere effetti negativi come:

  • performance cognitiva alterata
  • funzione tiroidea alterata
  • squilibrio dei livelli di zucchero nel sangue (iperglicemia)
  • diminuita densità ossea (osteopenia, osteoporosi)
  • diminuito tessuto muscolare
  • ipertensione arteriosa
  • abbassamento delle difese immunitarie, alterata risposta infiammatoria, rallentamento della cicatrizzazione delle ferite etc.
  • aumentato grasso addominale, sovrappeso e obesità, difficoltà nel dimagrire.

Gli EICOSANOIDI, definiti anche “super ormoni”, sono i primi ormoni che l’organismo produce. Gli eicosanoidi sono agenti biologici che governano la sintesi di tutti gli altri ormoni nel corpo, controllano il sistema immunitario, il cervello, il cuore.

Gli eicosanoidi sono controllati dal regime alimentare dei grassi e dell’insulina, ergo possono essere controllati tramite l’alimentazione (omega 3, omega 6), regolando il rapporto tra insulina e glucagone.

Vi sono due tipi di Eicosanoidi: i pro-infiammatori e gli anti-infiammatori, che devono essere tenuti in equilibrio se si vuole vivere in salute ed evitare malattie croniche. Uno squilibrio degli Eicosanoidi, ossia una maggiore produzione di pro-infiammatori, è responsabile dell’infiammazione silente che è la causa di molti disturbi: allergie, asma, artrite, attacco cardiaco, ictus, ipertensione arteriosa, cancro, depressione, infezioni croniche, morbo di Alzheimer etc.

L’INSULINA è l’ormone che guida i nutrienti nelle cellule. Esso è vitale per la sopravvivenza, in quanto permette alle cellule di immagazzinare i nutrienti o di utilizzarli per ottenere energia. Senza un adeguato livello di insulina, le cellule morirebbero.

In realtà, questo problema è molto raro, è molto più facile incontrare persone con il problema opposto, ossia, che producono troppa insulina, e questo non fa altro che creare sovrappeso od obesità e la quasi impossibilità di perdere peso in eccesso.

Man mano che invecchiamo, le nostre cellule diventano meno reattive all’insulina, e così il pancreas si trova a dover produrre sempre più insulina; l’aumento di insulina, a sua volta, stimola il trasporto e l’utilizzazione del glucosio e degli aminoacidi da parte dei tessuti periferici (in particolar modo il fegato ed i muscoli scheletrici).

Questa è l’insulino-resistenza, cioè una condizione caratterizzata da una diminuzione degli effetti biologici dell’insulina; in altri termini, è una condizione nella quale le quantità fisiologiche di insulina producono una risposta biologica ridotta, specie a livello dell’omeostasi glicemica.

L’iperglicemia persistente stimola il pancreas a secernere quantità maggiori di insulina, determinando così iperinsulinemia, che aumenta a sua volta l’infiammazione silente. Una iperinsulinemia aumenta la produzione di acido arachidonico, la base di tutti gli eicosanoidi pro-infiammatori.

Più massa grassa vi è nel nostro organismo, più insulino-resistenza è presente, e di conseguenza più infiammazione silente è in atto con tutta l’ampia gamma di rischi di malattie croniche. E se questo non fosse abbastanza, le ultime ricerche hanno portato alla luce che l’insulina induce l’infiammazione aumentando la produzione di Interleuchina-6, una citochina pro-infiammatoria, che causa la formazione della Proteina C Reattiva, uno dei marker dell’infiammazione silente o infiammazione killer.

La buona notizia è che è possibile invertire il circolo vizioso riducendo lo stato di infiammazione cronica o infiammazione silente, attraverso un’adeguata alimentazione e un’attività fisica che aumenti la massa muscolare: è ormai accertato da evidenze scientifiche infatti che all’aumentare della massa magra corrisponde una diminuzione dello stato di infiammazione cronica.

Per saperne di più leggete l’articolo “Infiammazione cronica” oppure contattateci..
Francesco Menconi

0 Comments

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Contattaci

Inviaci un'email, ti risponderemo prestissimo!

Sending

©2018 FKS Fitness Key System - Dove il benessere diventa divertente

Un progetto di ASD FKS - Strada Provinciale Avenza Sarzana 9 bis - p. IVA 01282550456

or

Log in with your credentials

Forgot your details?